Integrità - Integralità - Integro: nell'AT ebraico

Dizionario biblico sulla integralità o integrità


prima parte – Antico Testamento (ebraico)

L’idea di interezza o integrità o totalità è espressa in ebraico, e quindi nell’Antico Testamento, con diversi termini. Ne elenchiamo i 9 principali:
1. chayah, “vita” in quanto suggerisce l’idea di “essere intero” o “sanità” o “salute” in opposizione a morire, ad essere ferito, a venir meno (cfr. Gdc 2,7: in morte di Giosuè: “Il popolo servì il Signore durante tutta la vita di Giosuè e degli anziani che sopravvissero a Giosuè e che avevano visto tutte le grandi opere che il Signore aveva fatto in favore d'Israele”)
2. kol, kole, o in Ger 33,8, kowl, “tutto, ogni”: come in Gn 2,20: “Così l'uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli animali selvatici, ma per l'uomo non trovò un aiuto che gli corrispondesse.” Nel contesto del post-diluvio, cfr. Gn 8,19: “Tutti i viventi e tutto il bestiame e tutti gli uccelli e tutti i rettili che strisciano sulla terra, secondo le loro specie, uscirono dall'arca.”
3. kaliyl, “perfetto, intero, completo”, come nel testo di Ez 16,14 che parla della sposa infedele:  “La tua fama si diffuse fra le genti. La tua bellezza era perfetta. Ti avevo reso uno splendore” o prima in Lv 6,22-23: “Ogni oblazione del sacerdote sarà bruciata tutta; non se ne potrà mangiare.”
4. rapha' o raphah, “riparare, restaurare, guarire”, come in Gn 20,17 a proposito di Sara: “Abramo pregò Dio e Dio guarì Abimèlec, sua moglie e le sue serve, sì che poterono ancora aver figli.”
5. shalem, “completo, intero, perfetto, colmo”, come nel comandamento di Dt 25,15: “Terrai un peso completo e giusto, terrai un'efa completa e giusta, perché tu possa avere lunga vita nel paese che il Signore, tuo Dio, ti dà.”
6. shaneh, “anno intero”, “periodo”, come in Gn 1,14: “Dio disse: ‘Ci siano fonti di luce nel firmamento del cielo, per separare il giorno dalla notte; siano segni per le feste, per i giorni e per gli anni’”.
7. tamiym, “integro, perfetto, completo, secondo verità”, come in almeno 85 versetti del testo ebraico a partire da Gn 6,9 (“Questa è la discendenza di Noè. Noè era uomo giusto e integro tra i suoi contemporanei e camminava con Dio”) fino ad Am 5, 10 (“Essi odiano chi fa giuste accuse in tribunale e detestano chi testimonia secondo verità”). Cfr. ancora Gn 17,1; Es 12,5; Lv 14,10; Nm 28,19; Dt 18,13 (“Tu sarai irreprensibile verso il Signore, tuo Dio”); oltre la Torah, cfr. 2Sm 22,26 (“Con l'uomo buono tu sei buono, con l'uomo integro tu sei integro”); Gb 37,16; Sal 15,2; 18,23-25 (“Con l'uomo buono tu sei buono, con l'uomo integro tu sei integro”); Pr 11,20 (“Un cuore perverso il Signore lo detesta: egli si compiace di chi ha una condotta integra”); Ez 15,5, a proposito della vigna inutile, anche se intatta; 28,15; 43,22-25; 46,6.
8. tamam, “completare, compiere, consumare interamente, sterminare, annientare”, presente in almeno 60 versetti del testo ebraico, a partire da Gn 47,15 (“Quando fu esaurito il denaro della terra d'Egitto e della terra di Canaan, tutti gli Egiziani vennero da Giuseppe a dire: ‘Dacci del pane! Perché dovremmo morire sotto i tuoi occhi? Infatti non c'è più denaro’”) fino a Dn 9,24, riguardo alle 70 settimane (“Settanta settimane sono fissate per il tuo popolo e per la tua santa città per mettere fine all'empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l'iniquità, stabilire una giustizia eterna, suggellare visione e profezia e ungere il Santo dei Santi”); cfr. anche Gn 47,18; Lv 25,49; Nm 14,35 (“Io, il Signore, ho parlato. Così agirò con tutta questa comunità malvagia, con coloro che si sono coalizzati contro di me: in questo deserto saranno annientati e qui moriranno"); Dt 2,14-16; Dt 31,30; Gs 8,24; 2Sm 22,26; Sal 19,14 (“Anche dall'orgoglio salva il tuo servo perché su di me non abbia potere; allora sarò irreprensibile, sarò puro da grave peccato”); 102,28; 104,35; Is 33,1; Ger 24,10; Ez 24,15.

9. tamiym, “intero, integro, vero, completo, innocente, perfetto”, in almeno 80 versetti a partire da Gn 6,9 ad Am 5,10. Cfr. Sal 18,31 in un ringraziamento per la vittoria: “La via di Dio è perfetta, la parola del Signore è purificata nel fuoco; egli è scudo per chi in lui si rifugia”; 18,33; 19,8 (“La legge del Signore è perfetta, rinfranca l'anima; la testimonianza del Signore è stabile, rende saggio il semplice”); 37,18; 84,12; 101,2.6; 119,1 (“Beato chi è integro nella sua via e cammina nella legge del Signore”); 119,80 (“Sia integro il mio cuore nei tuoi decreti, perché non debba vergognarmi”); Pr 11,20; 28,10

Angelo Paolo Colacrai
angelo.colacrai@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ira o sdegno di Dio è la giustizia punitiva contro chi non perdona

VADEMECUM ALBERIONE

la vocazione apostolica di Paolo - raccogliere le nazioni in Cristo soltanto